Vai al contenuto

giugno 30, 2005

Parliamo di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti/Lorenzo, visto che i soliti parenti serpenti (nello specifico, colui che il destino beffardo mi ha assegnato quale fratello) sorridono malignamente? Jovanotti e’ una case history tutta italiana. Ammetto che il Jovanotti di "Casino" lo avrei preso a badilate in faccia. Gia’ meno quello del "La mia moto". Di nascosto ammiravo il Jovanotti di "Ciao Mamma". Poi nell’estate del ’92, saltano in aria Falcone e Borsellino. Jovanotti incide un "instant cd". E manda in crisi l’intellighenzia della sinistra che lo avrebbe volentieri sepolto vivo, insieme alla sua mamma, alla sua moto e cosi’ via fino al giorno prima. Linus (il mensile di satira e fumetti, non il direttore di radio DeeJay, ndr per "attraverso") pubblica il testo di quella canzone (a proposito, qualcuno si ricorda il titolo? non ne trovo traccia su Internet) come editoriale, senza alcun commento. E il ragazzo si sdogana. Diventa digeribile anche fra i trinariciuti. Lui, ammettiamolo, un po’ esagera negli anni successivi. Alcuni testi sono inni alla confusione idelogica (quello di Madre Teresa, Muccioli, Che Guevara testimoniano che in gioventu’ ha maneggiato piu’ dischi di musica dance che libri, ma fa niente. D’altronde esiste l’essere perfetto?). Pero’, a volte, ha messo in musica poesia contemporanea pura e preziosa. Passano gli anni. Si gestisce. Piu’ o meno. Poi arriva la sua penultima opera. E Lorenzo Cherubini diventa peggio di Albano. Celentano, paragonato a lui, e’ come Marcuse. Ripeto, il ragazzo non e’ esente da colpe (minchia, potrebbe anche capire che sua moglie e sua figlia non sono proprio una priorita’ per il resto dell’umanita’), ma da qui a trattarlo come se fosse l’ex batterista di Raul Casadei, licenziato per giusta causa, mi e’ sempre sembrato un po’ eccessivo.

"Buon sangue" e’ una cosa bella. "Mi fido di te" regala e assorbe energia vitale. Sotto sotto, sono felice che non si sia arreso.

Kasko

ps: poi un giorno spieghero’ meglio tutto…

From → Senza categoria

8 commenti
  1. Attraverso permalink

    Ah dove son finite quelle belle serate a spiegarci perchè Tizio o Caio facevano schifo anche se vendevano un casino e Elliot Murphy è un idolo anche se non lo conosce nessuno.
    La differenza tra musica commerciale e no, che non è quella tra musica leggera e musica pallosa…
    La differenza tra un prodotto e un’opera d’arte…
    La differenza tra “Ciao mamma guarda come mi diverto…” e
    “To send me blue valentines
    Like half forgotten dreams
    Like a pebble in my shoe”…
    La differenza tra….

  2. anonimo permalink

    dopo averti letto caro kaskojet ho buttato tutti i cd con l’opera omnia di bach per fare spazio sullo scaffale a quelli di iovanotti. è qui la festa? r.

  3. anonimo permalink

    ho buttato anche mozart, per far spazio a cremonini. (a me cremonini come nome fa venire in mente un salumificio, ma non so perchè) r.

  4. anonimo permalink

    tranne che poche eccezioni a me piace il lorenzo cherubini di gimmefive quando era post paninaro e credevo pure di destra ai tempi al max potevi essere socialista craxiano. invece per opportunismo o rincoglionimento è diventato un comunista vivo perchè pensa positivo per lui. canto per la sinistra così vwngo accettato e faccio una barca di soldi. Ciao giorgio
    ps almeno i calciatori fanno i soldi e tranne quelli del milan e pochi altri che parlano a vanvera ocme lucarelli nn si espongono politicamente. immaginate un del piero o un totti che ammettono di votare forza italia o lega che scandalo? Ciao giorgio

  5. kasko permalink

    r., non l’avessi vista la tua discografia… Vai a ciappare i ratti pure tu. In compagnia di mio fratello. Ossequi.
    K

  6. Attraverso permalink

    We’re havin’ a party
    Everybody’s swinging
    Dancing to the music
    On the radio
    So listen, Mr. DJ
    Keep those records playing
    ‘Cause I’m having such a good time
    Dancing with my baby

  7. kasko permalink

    caro r., ho dovuto cancellare il tuo commento perche’ quella ex compagna di classe, tifosa del genoa, che ho baciato in una serata assurda del 1984, non puo’ essere citata per nome e cognome su questo post. Suvvia, non mi cadere sul diritto alla privacy.
    K

  8. anonimo permalink

    Sto cercando proprio quel testo, Cuore…
    me lo mandi tramite mail o sul mio blog? Grazie,d.
    http://www.miocuggino.ilcannocchiale.it
    lostinamoment@hotmail.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: